Giovedì, 31 Gennaio 2019 18:19

5 Consigli per diventare Freelance In evidenza

Scritto da

Il settore dei siti web, del web marketing e tutto ciò che li circonda, da anni è in forte espansione. Quindi per Web designerWeb masterWeb marketerprogrammatori, ecc., questo può essere un enorme vantaggio, specialmente se si tratta di Freelance (i liberi professionisti insomma). Il settore del web dovrebbe crescere ancora notevolmente nei prossimi anni, quindi vedremo ovunque sempre più sviluppatori, che per forza di cose saranno in competizione tra loro.

Un'altra cosa che vedremo sempre più con maggiore frequenza, sono i falsi sviluppatori. Cioè tutti quelli che pensano che basti installare un CMS per essere definiti professionisti. Ma non possiamo farci niente, più un settore è in crescita, più persone si improvvisano professionisti di quel settore. Questo perché purtroppo oggi tutto è visto come una moda e probabilmente anche futuro sarà così.

Se hai trovato quest’articolo e stai continuando a leggere, probabilmente vuol dire che vuoi anche tu diventare un Freelance, quindi con queste mie prime righe penserai che ti stia criticando se anche tu vuoi diventare un Freelance in questo settore perché hai fiutato un’opportunità nel web, ma non è così.

Non c’è assolutamente niente di male nell'investire il proprio tempo cercando di riuscire ad affermarsi in un settore in forte crescita, anzi tutt'altro. Ciò che critico io, sono le persone che si improvvisano professionisti, non quelle che cercano un modo per diventarlo davvero. Se sei tra queste persone che vogliono migliorarsi veramente, ben venga la competizione.

Dopo questa doverosa premessa, continuiamo.

Le aziende hanno già la possibilità di assumere uno sviluppatore web freelance in altre parti del mondo che farà il lavoro a un prezzo molto più basso, di quanto possa farlo tu, quindi, cosa puoi fare per farti scegliere al di là dei tuoi prezzi più alti del ragazzino che vive oltreoceano?! Non è una frase razzista, per qualcuno anch'io sono un tizio oltreoceano, dipende da dove si trova questo qualcuno, era solo per evidenziare la distanza e le potenzialità del web.

Ma senza divagare, un primo passo che puoi compiere è creare il tuo brand personale. Il tuo marchio, la tua firma, chiamala come vuoi, ma realizza qualcosa che ti identifichi, che ti differenzia dalla massa. Anni fa io creai il mio marchio, la Penny press web, che ora mi identifica più del mio nome in questo settore.

Stiamo parlando di distinguersi dalla folla, di cercare la propria nicchia di mercato (consiglio estremamente importante, emerso anche in altri miei articoli) e di proporsi come esperti di un determinato settore. Fonda il tuo marchio all'interno di quel settore e dimostra di saperne di più di un concorrente generico. Quando potrai dimostrare di essere un esperto del settore, alle aziende non dispiacerà pagare un prezzo premium per lavorare con te anziché con uno dei tuoi concorrenti più economici.

Sarai l’unico con il megafono all'interno della folla che grida a squarciagola. Riuscirai ad emergere senza troppi sforzi insomma. Chi non assumerebbe quel tipo che ha avuto l’intelligenza di portare un megafono per emergere con facilità dalla folla che grida inutilmente?! Io lo assumerei, sa il fatto suo.

Un altro aspetto importante a cui porterà tutto questo è una fiducia nei tuoi confronti che riuscirai ad ottenere. Questo perché sei tu il punto di riferimento di quel settore, quindi questo emergerà anche nelle ricerche dei potenziali clienti e quale persona è più qualificata di te se l’esperto sei tu?

Ora che capisci l'importanza del branding e come può trasformare drasticamente il tuo business freelance, approfondiamo la parte pratica, vediamo cosa fare insomma. 

Ecco i 5 consigli utili per identificarti come sviluppatore freelance:

  1. Individua la tua nicchia e scopri chi è tuo cliente ideale
  2. Prepara un pacchetto di vendita adatto a quella nicchia
  3. Crea il tuo brand personale e realizza la tua vetrina online, sito/blog ecc.
  4. Crea un portfolio da mostrare ai clienti
  5. Proponi soluzioni mirate, non generalizzando nelle proposte

1. Individua la tua nicchia e scopri chi è tuo cliente ideale

Conoscere il tuo cliente ideale individuando la tua nicchia di mercato è essenziale perché ti aiuterà a predisporre il tuo marchio personale in prospettiva della tipologia di cliente in questione.

Come facciamo a conoscere il cliente ideale e a sapere di cosa ha bisogno? Per capirlo, individuata la nicchia di mercato, potremmo immedesimarci in questo possibile cliente e porci le seguenti domande:

  • Qual è il mio problema più grande?
  • Quali sono gli ostacoli più difficili da superare per emergere? 
  • Quali sono i miei obiettivi?

Se da professionisti diamo delle risposte a queste domande, sapremo come preparare l’offerta migliore per il cliente che vogliamo raggiungere. Per questo è importante individuare la nicchia di mercato, perché altrimenti non sarebbe possibile concentrarci su una specifica tipologia di cliente, perché sarebbe tutto troppo generico e non potremmo nemmeno rispondere a queste domande se non sappiamo in che settore opera il nostro cliente e di certo non possiamo creare una proposta unica che vada bene in tutti i settori.

2. Prepara un pacchetto di vendita adatto a quella nicchia

Adesso che abbiamo individuato il nostro cliente, che ci siamo immedesimati in lui e abbiamo trovato delle risposte alle domande che questo nostro cliente ideale potrebbe porsi, sappiamo come preparare una soluzione il più possibile adatta alle sue esigenze. Di conseguenza saremo un passo avanti rispetto alla concorrenza.

Dobbiamo far presente al cliente:

- Quanto possono aumentare le sue vendite

- Quanti nuovi clienti potrebbe avere

- Quanto migliorerebbe la sua immagine

Un pacchetto studiato che rispetti le promesse fatte, potrebbe davvero migliorare l’esperienza del cliente e ci saranno molte possibilità che la nostra offerta sia accettata.

3. Crea il tuo brand personale e realizza la tua vetrina online, sito/blog ecc.

Tutto ciò che offri, la tua esperienza, ciò che puoi offrire, ecc., deve essere concentrato nella tua vetrina online. Il tuo sito web, come il tuo blog, deve proporti come esperto del tuo settore ed è importante convincere il potenziale cliente che sei un esperto e in che modo puoi fare la differenza nella loro attività.

Se vuoi creare anche un blog, sappi che hai avuto una buona idea, perché ti proponi come esperto del settore. Non avresti contenuti validi se non lo fossi.

Cerca nelle tue pagine di essere immediato seguendo la seguente logica nella struttura del tuo sito web:

La soluzione offerta - La tua nicchia di riferimento - Il valore che fornisci

Quindi: Cosa offri? A chi? Che ci guadagna il cliente?

Cerca di non essere come gli altri e cerca di fornire le tue soluzioni ai tuoi clienti, non quelle degli altri. 

4. Crea un portfolio da mostrare ai clienti

Ok, hai un sito web, un blog e tutto ciò che ti serve, perché non aggiungere anche il tuo portfolio? Certo, ti sei proposto come esperto, sai ciò che dici, sai scrivere bene, ma adesso è anche il momento di far vedere ciò che sai fare. È fondamentale avere un sito web/portfolio che mostri la tua esperienza.

Quindi, mostra ciò che hai fatto e fai capire ai clienti come puoi aiutarli. Può capitare agli inizi, di non avere lavori da mostrare ovviamente, o di avere poco materiale. In questo caso perché non dedicare un po’ di tempo al giorno a lavorare su dei progetti dimostrativi?! In pratica realizza siti web di esempio da mostrare ai clienti. Non dovrai nemmeno spendere soldi in hosting e domini, potrai caricare questi esempi in varie sotto cartelle del tuo sito web.

Ecco le cose da includere nel tuo sito web per trasformarlo in un buon portfolio:

- Un dominio riconoscibile, evita di crearlo troppo lungo e complesso, lo ricorderesti solo tu. Potrebbe essere utile, ma non indispensabile, usare il tuo nome nell'indirizzo.

- Un design professionale, non puoi predicare bene e razzolare male. Fa che il tuo sito web non sia solo bello da vedere, ma sia anche facile da navigare.

- Mostra il tuo lavoro precedente 
I clienti vogliono vedere la prova del tuo lavoro precedente, quindi includili nel tuo sito web.

- Non essere troppo tecnico nelle descrizioni, cerca di trovare una via di mezzo, i clienti vogliono capire cosa sai fare nella pratica. Tutte le conoscenze tecniche e meglio riportarle in un curriculum che serve proprio a quello.

- Invita il potenziale cliente a contattarti, piazza testi e moduli di contatto che spingano il cliente a provare a contattarti.

5. Proponi soluzioni mirate, non generalizzando nelle proposte

Non mandare a tutti la stessa identica offerta copiata e incollata a tutti i potenziali clienti. Non tutti i clienti hanno le stesse esigenze e magari la soluzione trovata per il primo cliente, non va molto bene per il secondo cliente. Perdi un po’ di tempo a scrivere la tua offerta, tra l’altro non si tratta di tempo perso in quanto se farai una buona proposta, magari otterrai il lavoro.

È vero, hai creato il tuo pacchetto di vendita per la tua nicchia di riferimento, ma non significa che non possa esistere un potenziale cliente che ha bisogno di qualcosa di leggermente diverso. In più puoi essere contattato anche da potenziali clienti che non rientrano propriamente nella tua nicchia di riferimento e non vorrai di certo scartarli a priori. Quindi, impiega un po’ di tempo a leggere con attenzione le richieste del cliente, in modo che la tua risposta sia una conseguenza esatta della richiesta fatta e non un testo generico inviato senza leggere attentamente ciò che chiede il cliente.

Ultimo consiglio bonus, in quanto siamo arrivati al sesto consiglio quando tutta faceva pensare che sarebbero stati solo cinque.

- Non fare le cose a caso.

Impegnati in ciò che fai, metti passione e voglia di migliorare. Studia sempre nuove strategie e cerca di far tuoi questi consigli. Siamo tutti diversi e in più questo settore cambia così rapidamente che ci si deve riorganizzare costantemente per essere a passo con i tempi.

Ultima modifica il Giovedì, 04 Aprile 2019 15:38
Andrea Romeo

Web marketer e Web master/designer, laureato in Scienze della comunicazione, pubblicità, marketing e nuovi media. Ho creato la Penny press web e successivamente Penny's blog, una finestra sul mondo del web, aperta da uno che con il web ci lavora.

www.pennypressweb.it | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Altro in questa categoria: WordPress o Joomla Quale CMS usare? »

Commenti   

Heath Walsh Heath Walsh
Io ora lavoro per conto di altri... In pratica già ora faccio tutto io e saprei come fare anche se i clienti fossero i miei ovviamente, ma non trovo il coraggio di iniziare a lavorare per conto mio... :cry: se solo potessi portarmi dietro tutti i clienti che già seguo in incognito!!! :-*
2019-05-31 16:17 Rispondi

Aggiungi commento